Messa di ringraziamento delle Suore Missionarie dell’Evangelizzazione

Lunedì 27 giugno, alle ore 18.00 il Custode di Terra Santa fr. Francesco Patton ha presieduto la celebrazione eucaristica nella Chiesa di San Salvatore a Gerusalemme, con la partecipazione delle Suore Missionarie dell’Evangelizzazione, e di un gruppo di sacerdoti, frati e fedeli. È stata l’occasione per esprimere il ringraziamento per la presenza e la collaborazione di ormai quasi 40, delle Suore Missionarie dell’Evangelizzazione (già Suore Missionarie del Catechismo) con la Custodia di Terra Santa.

Questa celebrazione eucaristica di ringraziamento è stata celebrata in occasione del cambio del nome dell’istituto da Suore Missionarie del Catechismo a Suore Missionarie dell’Evangelizzazione. Come ha sottolineato, alla fine della Messa, la Superiora generale Madre Bernardina Perez, le suore si sono sentite chiamate a leggere i segni dei tempi e ciò di cui ha bisogno il mondo oggi, specialmente i giovani. Pertanto, nel Capitolo Generale che si è svolto di recente, le suore Missionarie del Catechismo hanno deciso di cambiare il nome della loro congregazione per adattarlo ai bisogni del mondo di oggi. Dopo l’approvazione del Capitolo Generale e la fedeltà alla spiritualità del loro fondatore P. Vincenzo Idà, hanno deciso di scegliere il nome di Suore Missionarie dell’Evangelizzazione. La Santa Sede ha confermato poi questa scelta con decreto.

Le Suore Missionarie dell’Evangelizzazione tra le varie attività che svolgono nel mondo collaborano insieme ai frati Francescani in Terra Santa per la gestione di diverse Case Nove.

Nella sua omelia, il Custode ha sottolineato l’aspetto della vocazione e missione dei religiosi nella Chiesa oggi. Ricordando che la chiamata di Gesù è un invito a seguirlo in modo radicale, e questo è un cammino di liberazione e di maturazione nella fede e che Gesù stesso ci fa, invitandoci a seguirlo condividendo il suo cammino particolarmente esigente.

Il Custode ha terminato la sua omelia dicendo: Concludo ringraziandovi, a nome della Custodia di Terra Santa e dei suoi frati, perché in questi anni le nostre realtà hanno saputo camminare insieme nella fede e nella sequela del Signore Gesù. Sentiamo di condividere con voi la vocazione e la missione di essere a servizio dei Luoghi Santi, dei pellegrini che li visitano, della Chiesa locale e universale.

Prima della benedizione finale, Madre Bernardina ha ringraziato a nome dell’istituto tutti i Custodi che hanno reso possibile per le suore di vivere in Terra Santa, per la cura spirituale che i frati offrono alle Suore, e per la possibilità di collaborare con i frati nell’accoglienza e nella cura dei pellegrini.

 

Fr. Jonny Jallouf ofm